Le 10 cose da non perdere a Firenze

Se avete poco tempo a disposizione per visitare la bella Firenze, siete capitati nel posto giusto: avete sotto gli occhi una lista delle 10 cose da fare e da vedere assolutamente nella “Culla del Rinascimento”.

uffizi1

  • 1. La Galleria degli Uffizi

La Galleria degli Uffizi contiene la migliore collezione di dipinti italiani in assoluto e si merita il tempo di una visita. Unica pecca sono le lunghe code all’entrata, che potrete tuttavia evitare prenotando il biglietto in anticipo con un supplemento. Per farlo sarà sufficiente contattare l’albergo e ritirare i biglietti direttamente alla Reception.

  • 2. Un gelato al giorno

gelatoLa regola che vige in ogni città d’Italia che si rispetti quando si è in visita. A Firenze, dove il gelato è particolarmente gustoso, è importante inserirla tra le 10 cose da fare. Troverete gelaterie ad ogni angolo e se desiderate rispettare una dieta bilanciata anche in vacanza, provate, in aggiunta al gelato, qualche altra prelibatezza locale di cui la Toscana è piena: la Bistecca alla Fiorentina, tanto per dirne una… Noi vi possiamo indicare le 10 migliori gelaterie di Firenze, secondo il nostro personalissimo gusto!

  • 3. Piazza della Signoria

Loggia_dei_Lanzi

Piazza della Signoria era il giardino anteriore di ciò che un tempo apparteneva alla famiglia Medici, che regnò a Firenze per lungo tempo, e cioè Palazzo Vecchio, con una copia del David all’ingresso. La Loggia, alla destra del Palazzo, è una spettacolare galleria di sculture all’aperto e sebbene i ristoranti sulla piazza siano quasi tutti costosissimi, sarete liberi di girovagare ovunque con il vostro gelato per dilettare il palato e la vista insieme. Se avete voglia di spendere una fortuna in una dolce prelibatezza, Palazzo-vecchioraccomandiamo una cioccolata calda da Rivoire. E se vi piacciono le storie con un pizzico di macabro, cercate la targa di marmo circolare nel centro della piazza, che segna il punto in cui S. Girolamo Savonarola fu bruciato alla forca nel 1498.

  • 4. Il Duomo e il Battistero

DUOMObattistero_porta paradisoUn altro eccellente punto di osservazione è la vicina piazza del Duomo, anche se sempre più affollata (o almeno così sembra perché non è aperta come Piazza della Signoria). Le due principali attrazioni sono il Duomo (ovviamente) e il Battistero, reso davvero interessante dal suo lato esterno. La serie di portoni che si affacciano sul Duomo furono disegnati dal Ghiberti nel primo ‘400, e al giovane Michelangelo sembrarono così belli che li definì addirittura Porte del Paradiso. I pannelli originali si trovano nel Museo dell’Opera del Duomo, ma le copie sono ugualmente straordinarie e continuano ad attrarre una discreta folla. L’interno del Duomo, relativamente spoglio, può causare un po’ di delusione dopo la vista dell’esterno così ricco artisticamente, ma la maggior parte delle opere fu rimossa dopo l’alluvione del 1966.  Comunque l’entrata per il Duomo è gratuita e se avete bisogno di una pausa da condizioni atmosferiche avverse o dalla folla potete sostare tranquillamente all’interno.

  • 5. La Cupola di Brunelleschi e il Campanile di GiottoFrom_Giotto's_tower

cupola

Proprio in piazza del Duomo potrete approfittare dall’altezza di due meravigliosi edifici per godere di una vista senza eguali sul centro storico della città. La cupola del Duomo, disegnata dal Brunelleschi, non soltanto offre una vista meravigliosa, ma anche una rapida lezione in architettura, incluso un primo piano della cupola. Sono entrambi visitabili, l’ingresso è a pagamento. Chi si interessa di architettura e design sceglierà il duomo per la Storia, e se avete avuto l’occasione di leggere “La cupola di Brunelleschi” (King Ross), la “scalata” si rivelerà ancora più interessante. Inoltre, queste salite sono capaci di causare a chiunque vertigini e claustrofobia, che le abbiate avute in precedenza o meno… Quindi procedete con cautela!

ponte vecchio

  • 6. Il Ponte Vecchio

Sebbene il Ponte Vecchio sia spesso pieno di gente e zeppo di costose gioiellerie, non c’è niente di equiparabile a concludere una giornata trascorsa a Firenze appollaiati al centro del ponte, guardando il fiume mentre il sole tramonta. D’accordo, forse vi troverete spalla a spalla con tanti altri turisti, ma riuscirete ugualmente a perdervi nel movimento romantico del fiume. Viene da pensare a quante migliaia di persone in passato si siano trovate nel punto in cui vi trovate voi, a come i Medici si spostassero dal Palazzo verso i loro uffici, camminando lungo quel corridoio sopra il ponte, per non mischiarsi alla folla.

Qualsiasi cosa vi venga in mente quando sarete sul Ponte Vecchio, è certo che ve ne andrete via con il sorriso.

  • 7. Le Tombe dei personaggi celebri

santa croce tombeFirenze, conosciuta anche come culla del Rinascimento, ha dato i natali a moltissimi personaggi celebri. Molti dei suoi figli più famosi furono deposti proprio a Firenze e la maggior parte delle tombe celebri si trova in una sola chiesa – Santa Croce. Tra i nomi scolpiti sui sarcofagi riconoscerete quelli di Galileo, Machiavelli, Rossini, Ghiberti e dello stesso santa-croce-esternoMichelangelo. C’è anche una lapide intitolata a Dante, nonostante la salma si trovi a Ravenna. Santa Croce è una chiesa di impianto gotico, aperta e ampia con un particolarissimo soffitto in legno; ospita affreschi di Giotto, ma l’attrazione principale sono indubbiamente le famose tombe.

Altro luogo dove recarsi per visitare le tombe celebri sono le Cappelle Medicee, adiacenti alla chiesa di S. Lorenzo. Vi si trovano due tombe ornate da sculture di Michelangelo, che accolgono le salme di alcuni membri della illustre famiglia. Dopo le tombe vale la pena fare una sosta alla Biblioteca Laurenziana, con la sua meravigliosa scalinata progettata dal Michelangelo sopra il vicino chiostro, nello stesso complesso architettonico della Chiesa.

bargello

  • 8. Il Museo del Bargello

Sono moltissime le opere artistiche a Firenze. E almeno due delle più famose gallerie d’arte della città hanno lunghissimi tempi di attesa per l’entrata. Fortunatamente il museo del Bargello non è uno di queste, sebbene rappresenti per la scultura ciò che gli Uffizi sono per la pittura. L’edificio che lo accoglie era un tempo una prigione e contiene alcune delle opere precoci di Michelangelo delle quali forse non avrete mai sentito parlare, compreso un bellissimo Bacco, e Il David di Donatello in bronzo (recentemente restaurato) che Michelangelo vide più di una volte durante la sua infanzia. In mostra si trovano anche i due debutti alla competizione che fu imbastita per stabilire chi avrebbe progettato le porte del Battistero. Scegliete voi chi dei due partecipanti avrebbe dovuto vincere!

Nonostante le opere presenti al Bargello siano di fama internazionale, il museo tende ad essere trascurato dai turisti e diventa quindi un’ottima alternativa per gli amanti dell’arte stanchi delle folle.

  • 9. Il Piazzale Michelangelo

piazzale_michelangeloA Firenze chiunque può godere di questo scorcio sul paesaggio urbano, a patto di recarsi dritti dritti a Piazzale Michelangelo, che sovrasta la città dal suo piedistallo nelle colline. Potete arrivarci con una bella scarpinata fino alla cima oppure prendendo un autobus (il numero 12 dalla stazione Santa Maria Novella) e se le condizioni atmosferiche lo permettono, sarete ricompensati con la migliore vista della città possibile immaginabile. La copia del David al centro della piazza alza il numero di “falsi” David presenti all’interno della città. Come bonus supplementare per chi raggiungerà la piazza a piedi, c’è la fortuna di passare per il quartiere dell’Oltrarno, spesso affollato da vari turisti che si raggruppano verso Piazza del Duomo.

  • 10. I Mercati all’aperto

Mercato-Centralesan lorenzoAnche se non siete maniaci dello shopping, fare un giro per il famoso mercato di pelle di Firenze vale sicuramente la pena. A Firenze sono due i mercati di pelle all’aperto e potrete visitarli entrambi a piedi, essendo l’uno a breve distanza dall’altro. Il nostro preferito resta quello vicino a San Lorenzo, perché dopo un percorso tra guanti e giacche all’aperto, potrete dare un’occhiata anche al meraviglioso Mercato Centrale. Un mercato al chiuso, dentro una struttura del 19esimo secolo, piena di banchi di generi alimentari, dove si vende di tutto: dalla preparazione del miglior picnic che abbiate mai mangiato agli ingredienti che compongono i menu dei migliori ristoranti della città. E se desiderate un souvenir culinario da portare a casa con voi (olio d’oliva, pasta, una forma di formaggio) questo è indubbiamente il posto giusto.

test
Capodanno Fiorentino 2011 | ART: Fiera dell'Artigianato 2011 a Firenze | Cena con Delitto a Firenze | Concerto Jovanotti a Firenze
Mostra Picasso, Miró e Dalí a Firenze | 17 marzo 2011: Festa Nazionale per l'Anniversario dell'Unità d'Italia